La cena. Messaggio di Gesù Cristo. - La nuova umanità

Vai ai contenuti

Menu principale:

La cena. Messaggio di Gesù Cristo.

Sananda, Esu,Kathryn
 

La cena. Messaggio di Gesù Cristo.

https://lichtweltverlag.at/2020/04/09/das-abendmahl/

Da Jahn J Kassl 8 Aprile 2020.

(traduzione Ben Boux  www.lanuovaumanita.net)

"I miei giorni a Gerusalemme erano contati e il mio viaggio stava per iniziare. Quindi questo incontro ha avuto luogo con chiunque fosse collegato a me e propenso ad amare."


Dal libro "Die jesus biografie 2": pagine 123-129

Il mio arrivo.

Amato figlio di Dio, espressione eterna della sua bellezza e parte perfetta di tutti noi Padre e Madre. Sono Gesù Cristo e ora sto riflettendo sugli eventi dell'ultima cena.

Era il mio addio dai miei compagni e dalla mia famiglia. Anche da mia moglie, Miriam, e dai miei figli Joshua e Sarah. I miei giorni a Gerusalemme erano contati ed il mio viaggio stava per iniziare. Quindi questo incontro ha avuto luogo con chiunque fosse collegato a me e propenso ad amare.

Come spesso abbiamo fatto, abbiamo condiviso il pane e bevuto vino quella sera. Gli eventi a Gerusalemme hanno lasciato il segno su ognuno di noi e sono iniziati i tempi della conoscenza personale, del riconoscimento e della comprensione della natura dell'amore. Tutti secondo il loro potenziale, ma ciascuno supportato dalla sensazione di afferrare la presenza di Dio. Tutti con fiducia nella loro connessione al cielo e tutti nella consapevolezza della loro vera origine.

Quindi non c'era dolore, forse malinconia mescolata nei cuori, perché alla fine la propria strada si era disposta di fronte a tutti in modo chiaro: portare la parola d'amore, il potere eterno del Creatore che lavora attraverso di noi nel mondo. Questo compito veniva affrontato da quelli che mi avevano seguito, quelli che si erano dati molto vicini alle vie della conoscenza. Annunciando la buona notizia! Tutti al loro posto dove sono stati collocati per lo scopo di Dio. Un annuncio attraverso uno stile di vita che non ha bisogno di un eccesso di parole.

"Quest'ultimo incontro è avvenuto poco dopo i drammatici eventi della Pasqua ebraica che hanno scritto la mia presunta morte sulla croce nei libri di storia dell'umanità."

Si sapeva da tempo che ero di nuovo tra le persone, ma le storie sulla mia presunta risurrezione iniziarono a diffondersi. È l'anno 34. Per settimane ho preparato i miei amati fratelli e sorelle per il mio viaggio, che alla fine dovrebbe portarmi in India. Perché alcune persone avevano bisogno di questa svolta per capire come si svolgono le cose. Comprendere che il piano di Dio si sta adempiendo e che siamo tutti coinvolti.

"Perché ci lasci?"

E passò un po' di tempo prima che potessi far capire a tutti che il mio compito a Gerusalemme era stato adempiuto. Il Piano Divino significava che dovevo andare per portare l'amore a coloro che stavano aspettando. E ce n'erano molti in tutti gli anni che mi erano stati dati. Era anche previsto che molti dei miei compagni avrebbero sviluppato i loro compiti. Ciò ha richiesto a tutti di prendere il loro posto, spesso in luoghi distanti. L'amore di Dio dovrebbe manifestarsi ed essere percepibile da tutti attraverso i cuori dei portatori di luce.

È arrivato il momento di salutarci e lo abbiamo festaggiato finalmente consapevoli della nostra forza e potenza insieme, rafforzandoci attraverso l'affetto che ci ha legati attraverso i nostri cuori. Sapevamo che ci saremmo incontrati di nuovo con il Padre Celeste e molti erano in grado di rimanere in contatto attraverso i loro canali di Luce.

Miriam. (Miriam di Magdala , o Maddalena)

Ciò ha permesso a me e Miriam di rimanere in contatto mentre noi, ciascuno al proprio posto, svolgevamo i compiti che ci venivano assegnati. Non c'era separazione, anche se i nostri corpi erano molto distanti. Questa connessione interiore persistette fino alla fine dei giorni della nostra vita sulla Terra e continuò ad esistere quando finalmente Miriam tornò alla luce del Creatore molto prima di me. E questo legame intimo del nostro amore è eterno, non conosce limiti, né tempo né spazio.

Quindi è così che siamo partiti. Ciascuno secondo i suoi ordini, ciascuno secondo la sua chiamata interiore, la sua chiamata, per proclamare la Buona Novella:

Il messaggio che siamo tutti uno e che la razza umana può raggiungere la vera grandezza solo attraverso la vita dell'amore incondizionato.

"Siamo stati inviati in tutte le parti del mondo e l'intenzione di fondare una nuova "chiesa" era lontana da noi, sì, era completamente inimmaginabile per noi."

Nuove istituzioni che portano nuovamente a nuovi limiti, poiché di solito sono in conflitto con l'esperienza personale di Dio. La responsabilità di sé, l'amore di sé e la conoscenza di sé crescono, così che le persone possano trovare la loro strada verso la fonte in libertà e pace. E per annunciarlo, ci siamo trasferiti.

Verso le persone per mettere questi semi nei loro cuori. In modo che l'amore incondizionato si impadronisca di nuovo di noi e così creiamo un modo di vivere che corrisponda alla nostra natura. Siamo usciti per annunciare la buona notizia! E molti di quelli che sono stati tra i primi a portare la Luce sono di nuovo in mezzo a voi. Per portare di nuovo la loro Luce, essere di nuovo una Luce, illuminare l'oscurità.

"Sono in mezzo a voi, e con me, molti compagni di allora. Rinati e in mezzo a voi. È così. Per sempre."







 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu