Pasticcio coronavirus 10. Precisione Svizzera. - La nuova umanità

Vai ai contenuti

Menu principale:

Pasticcio coronavirus 10. Precisione Svizzera.

Altri
 

Pasticcio coronavirus 10. Precisione Svizzera.

Fatti su Covid-19


https://swprs.org/a-swiss-doctor-on-covid-19/

Aggiornato : giugno 2020 ;

(traduzione Ben Boux  www.lanuovaumanita.net)

Fatti completamente citati su Covid-19, forniti da esperti del settore, per aiutare i nostri lettori a realizzare una valutazione realistica del rischio. (Aggiornamenti regolari di seguito)

"L'unico mezzo per combattere la peste è l'onestà." ( Albert Camus, 1947)

Panoramica.

- Secondo gli ultimi studi immunologici e sierologici, la mortalità complessiva di Covid-19 (IFR) è di circa lo 0,1% e quindi nell'intervallo di una forte influenza stagionale (flu).

- In paesi come gli Stati Uniti, il Regno Unito e anche la Svezia (senza blocco), la mortalità complessiva dall'inizio dell'anno è nel rapporto di una forte stagione influenzale; in paesi come Germania, Austria e Svizzera, la mortalità complessiva è nel rapporto di una stagione influenzale lieve.

- Anche negli "hotspot" globali, il rischio di morte per la popolazione generale della scuola e dell'età lavorativa è generalmente compreso nell'intervallo di un giro giornaliero in auto per andare al lavoro . Il rischio è stato inizialmente sopravvalutato perché molte persone con solo lievi o nessun sintomo non sono state prese in considerazione.

- Fino all'80% di tutte le persone positive al test rimangono prive di sintomi . Anche tra i 70-79 anni, circa il 60% rimane privo di sintomi. Oltre il 95% di tutte le persone sviluppa sintomi per lo più moderati .

- Fino al 60% di tutte le persone può già avere una certa immunità cellulare di base a Covid19 a causa del contatto con coronavirus precedenti (cioè virus del raffreddore comuni).

- L' età media del defunto nella maggior parte dei paesi (compresa l'Italia) è di oltre 80 anni e solo il 4% circa dei deceduti non ha avuto condizioni preliminari gravi. L'età e il profilo di rischio delle morti corrispondono quindi essenzialmente alla normale mortalità.

- In molti paesi, fino a due terzi di tutte le morti extra sono avvenute nelle case di cura, che non beneficiano di un blocco generale. Inoltre, in molti casi non è chiaro se queste persone siano davvero morte a causa di Covid19 o per settimane di stress estremo ed isolamento .

- Fino al 30% di tutti i decessi aggiuntivi potrebbe essere stato causato non da Covid19, ma dagli effetti del blocco, del panico e della paura. Ad esempio, il trattamento di infarti e ictus è diminuito fino al 60% perché molti pazienti non hanno più avuto il coraggio di andare in ospedale.

- Anche nei cosiddetti "decessi Covid19" spesso non è chiaro se siano deceduti per o con coronavirus (cioè per malattie sottostanti) o se siano stati considerati "presunti casi" e non testati affatto. Tuttavia, le cifre ufficiali di solito non riflettono questa distinzione.

- Molti resoconti dei media su persone giovani e sane che muoiono a causa di Covid19 si sono rivelati falsi: molti di questi giovani o non sono morti a causa di Covid19, erano già stati gravemente malati (ad es. Per leucemia non diagnosticata), oppure erano 109 invece di 9 anni. Anche il preteso aumento della malattia di Kawasaki nei bambini si è rivelato falso .

- Si possono verificare forti aumenti della mortalità regionale se si verifica un crollo dell'assistenza agli anziani e ai malati a causa di infezione o panico o se vi sono ulteriori fattori di rischio come un grave inquinamento atmosferico. Discutibili regole per trattare con il defunto a volte portano a colli di bottiglia aggiuntivi nei servizi funebri e di cremazione.

- In paesi come l'Italia e la Spagna, e in una certa misura nel Regno Unito e negli Stati Uniti, i sovraccarichi ospedalieri dovuti a forti onde influenzali non sono insoliti. Inoltre, quest'anno fino al 15% degli operatori sanitari è stato messo in quarantena, anche se non ha sviluppato sintomi.

- Le curve esponenziali spesso mostrate di "casi corona" sono fuorvianti, poiché anche il numero di test è aumentato esponenzialmente. Nella maggior parte dei paesi, il rapporto tra test positivi e test complessivi (cioè il tasso positivo) è rimasto costante dal 5% al ​​25% o è aumentato solo leggermente. In molti paesi, il picco dello spread era già stato raggiunto ben prima del blocco .

- Paesi senza coprifuoco e divieti di contatto, come Giappone, Corea del Sud, Bielorussia o Svezia, non hanno registrato eventi più negativi di altri paesi. La Svezia è stata persino elogiata dall'OMS e ora beneficia di una maggiore immunità rispetto ai paesi di blocco.

- La paura di una carenza di ventilatori era ingiustificata. Secondo gli specialisti polmonari, la ventilazione invasiva (intubazione) dei pazienti Covid19, che è in parte dovuta alla paura di diffondere il virus, è in effetti spesso controproducente e dannosa per i polmoni.

- Contrariamente alle ipotesi originali, vari studi hanno dimostrato che non vi è alcuna prova che il virus si diffonda attraverso gli aerosol (cioè piccole particelle che fluttuano nell'aria) o attraverso infezioni da sbavature (ad esempio sulle maniglie delle porte o sugli smartphone). Le principali modalità di trasmissione sono il contatto diretto e le goccioline prodotte quando si tossisce o starnutisce.

- Non esistono inoltre prove scientifiche dell'efficacia delle maschere per il viso in soggetti sani o asintomatici. Al contrario, gli esperti avvertono che tali maschere interferiscono con la normale respirazione e possono diventare "portatori di germi". I principali dottori li hanno definiti un "clamore mediatico" e "ridicolo" .

- Molte cliniche in Europa e negli Stati Uniti sono rimaste fortemente sottoutilizzate o quasi vuote durante il picco di Covid19 e in alcuni casi hanno dovuto mandare a casa il personale. Milioni di interventi chirurgici e terapie sono stati annullati, tra cui numerosi screening del cancro e trapianti di organi.

- Diversi media sono stati sconfessati nel tentativo di drammatizzare la situazione negli ospedali, a volte anche con immagini e video manipolatori  In generale, i resoconti non professionali di molti media hanno massimizzato la paura ed il panico nella popolazione.

- I kit di test antivirus utilizzati a livello internazionale sono soggetti a errori e possono produrre risultati falsi positivi e falsi negativi. Inoltre, il test del virus ufficiale non è stato validato clinicamente a causa della pressione del tempo e talvolta può reagire positivamente ad altri coronavirus.

- Numerosi esperti di fama internazionale nei settori della virologia, dell'immunologia e dell'epidemiologia considerano le misure adottate controproducenti e raccomandano una rapida immunizzazione naturale della popolazione generale e la protezione dei gruppi a rischio.

- Non c'è mai stato un motivo medico per la chiusura delle scuole, poiché il rischio di malattie e trasmissione nei bambini è estremamente basso. Non esiste inoltre alcun motivo medico per le piccole classi, le maschere o le regole di "distanza sociale" nelle scuole.

- L'affermazione secondo cui solo Covid-19 (grave), ma non l'influenza può causare trombosi venosa ed embolia polmonare (polmonite) non è vera, poiché è noto da 50 anni che l'influenza grave aumenta notevolmente anche il rischio di trombosi ed embolia.

- Diversi esperti medici hanno descritto i vaccini contro il coronavirus come inutili o addirittura pericolosi. In effetti, il vaccino contro la cosiddetta influenza suina del 2009, ad esempio, ha portato a milioni di danni neurologici a volte gravi e cause legali. Anche nel test di nuovi vaccini contro il coronavirus si sono già verificate gravi complicazioni e fallimenti .

- Una pandemia di influenza, o corona, globale può effettivamente estendersi per diverse stagioni, ma molti studi su una "seconda ondata" si basano su ipotesi molto irrealistiche, come un rischio costante di malattia e morte in tutte le fasce d'età.

- Numerose infermiere, ad esempio a New York City, descrissero spesso una cattiva gestione medica fatale dei pazienti Covid a causa di discutibili incentivi finanziari o protocolli medici inappropriati.

- Il numero di persone che soffrono di disoccupazione, depressioni e violenza domestica a seguito delle misure ha raggiunto valori record storici. Diversi esperti prevedono che le misure richiederanno molte più vite rispetto al virus stesso. Secondo le Nazioni Unite, 1,6 miliardi di persone in tutto il mondo sono a rischio immediato di perdere il proprio sostentamento.

- Edward Snowden, informatore della NSA, ha avvertito che la "crisi della corona" sarà utilizzata per l' espansione permanente della sorveglianza globale. Il famoso virologo Pablo Goldschmidt ha parlato di "terrore mediatico globale" e "misure totalitarie". Il principale virologo britannico, il professor John Oxford, ha parlato di una "epidemia dei media".

- Più di 600 scienziati hanno avvertito di una "sorveglianza senza precedenti della società" attraverso app problematiche per la "tracciabilità dei contatti". In alcuni paesi, tale "tracciabilità dei contatti" viene già effettuata direttamente dai servizi segreti. In diverse parti del mondo, la popolazione è già monitorata dai droni e si trova ad affrontare una grave interferenza della polizia.

- Uno studio dell'OMS del 2019 sulle misure di sanità pubblica contro l'influenza pandemica ha scoperto che dal punto di vista medico, il "tracciamento dei contatti " non è "raccomandato in nessuna circostanza". Tuttavia, le app di tracciamento dei contatti sono già diventate parzialmente obbligatorie in diversi paesi.


#####################################################.


Coronavirus era già in Italia entro dicembre, mostra uno studio sulle acque reflue

news@thelocal.it

@thelocalitaly

19 giugno 2020

Il primo focolaio di coronavirus è stato segnalato a Codogno, in Lombardia, a febbraio - ma il virus potrebbe essere circolato mesi prima.
Il coronavirus era già presente nel nord Italia a dicembre, più di due mesi prima che fosse rilevato il primo caso, è stato scoperto uno studio dell'istituto sanitario nazionale sulle acque reflue.

I ricercatori hanno scoperto tracce genetiche di Sars-Cov-2 - come è ufficialmente noto il virus - in campioni di acque reflue raccolti nelle città settentrionali di Milano e Torino alla fine dello scorso anno, e a Bologna a gennaio, l'istituto ISS ha affermato in una dichiarazione vista da AFP venerdì.

Il primo caso nativo noto in Italia è stato scoperto a metà febbraio.

I risultati "aiutano a capire l'inizio della circolazione del virus in Italia", ha detto l'ISS. Hanno anche affermato di "confermare le prove ormai consolidate a livello internazionale" secondo cui i campioni di fogna funzionano come strumento di rilevazione precoce.

IN NUMERI : Qual è la situazione del coronavirus in Italia adesso?

L'Italia è stata la prima nazione europea a essere colpita dal virus e la prima al mondo a imporre un blocco a livello nazionale. L'Italia ha ora registrato oltre 34.500 morti.

Il primo caso noto, a parte un paio di turisti cinesi in visita a Roma, fu un paziente nella città di Codogno, in Lombardia.

Il 21 febbraio il governo ha designato Codogno una cosiddetta "zona rossa" e ha ordinato la chiusura, seguita da altre dieci città in tutta la Lombardia e il Veneto.

Il 9 marzo aveva esteso la chiusura in tutto il paese .

A febbraio, gli esperti medici di Milano hanno dichiarato di ritenere che il virus fosse già "circolato inosservato da settimane" in Italia.

L'esperta di qualità delle acque della ISS Giuseppina La Rosa e il suo team hanno esaminato 40 campioni di acque reflue da ottobre 2019 a febbraio 2020.

I risultati, confermati in due diversi laboratori con due metodi diversi, hanno mostrato la presenza di SARS-Cov-2 in campioni prelevati a Milano e Torino il 18 dicembre 2019 ea Bologna il 29 gennaio 2020.

I campioni di ottobre e novembre 2019 sono stati negativi, dimostrando che il virus doveva ancora arrivare, ha detto La Rosa.

I dati erano in linea con i risultati ottenuti dall'analisi retrospettiva di campioni di pazienti ricoverati in Francia, che hanno trovato casi positivi per SARS-CoV-2 risalente alla fine di dicembre, ha detto l'istituto.

Ha inoltre indicato un recente studio spagnolo che ha trovato tracce genetiche in campioni di acque reflue raccolti a metà gennaio a Barcellona, ​​circa 40 giorni prima che sia stato scoperto il primo caso indigeno.

Dall'inizio dell'epidemia, i ricercatori di tutto il mondo hanno seguito la diffusione del coronavirus attraverso le acque reflue, trovando tracce genetiche da Brisbane a Parigi e Amsterdam.

Dato il gran numero di casi di coronavirus che presentano sintomi scarsi o assenti, i test sulle acque reflue potrebbero segnalare anche la presenza del virus prima che i primi casi siano confermati clinicamente in aree non toccate dall'epidemia o in cui è diminuita.

L'ISS ha dichiarato di aver sollecitato il ministero della salute a coordinare regolarmente la raccolta di campioni nelle fognature e all'ingresso degli impianti di depurazione "come uno strumento per rilevare e monitorare la circolazione del virus in diversi territori in una fase iniziale ".

Sta lanciando uno studio pilota su siti prioritari identificati nelle località turistiche a luglio e dovrebbe installare una rete nazionale di sorveglianza delle acque reflue







 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu