Per cosa vivere. Ivo di Vega. - La nuova umanità

Vai ai contenuti

Menu principale:

Per cosa vivere. Ivo di Vega.

Sananda, Esu,Kathryn
 

Per cosa vivere. Ivo di Vega.

www.sharonandivo.weebly.com
YouTube: SharonandIvoofVega

Ivo di Vega via Sharon Stewart, 17 maggio 2020

(traduzione Ben Boux  www.lanuovaumanita.net)

Il mio post oggi: hai mai notato che l'ego là fuori deve continuare a commentare il tuo commento?

Ho commentato un post questa mattina e qualcuno ha commentato.

Mi ha dato una spiegazione di come si sentiva riguardo all'argomento e io ho risposto: "Segui te stesso".

Il commento non era nemmeno diretto a lei, ma per qualche motivo ha sentito che avrebbe dovuto includere se stessa nella conversazione, che è una delle cose di cui mi lamento con i social media: è gratuito per tutti e chiunque può commentare ciò che dici.

Ha nuovamente commentato.

Non ho risposto. Quindi ha commentato ancora e ancora.

L'ho bloccata.

Non ho bisogno di dimostrare che ciò che dico sia corretto. Questa persona potrebbe essere stata viziata per una discussione opponendomi. Va bene, preparati. È la tua vita. Non le darei la gratificazione.

Qual è un'altra cosa che ho imparato quando ero nei 12 passaggi: dicono: "Rinuncia al bisogno di avere ragione". Io lo faccio.

Trasmetto molti dei miei post e mi fido di Ivo e Athena di darmi le parole da esprimere.

Quando rinunci alla necessità di avere ragione, questa necessità può essere sostituita con una pletora di altre esigenze che ti soddisfano meglio e aiutano tutti quelli sulla Terra, come:

- praticare il tuo bisogno di diffondere l'amore
- praticare il tuo bisogno di diffondere la verità
- praticare il tuo bisogno di nutrire gli altri
- praticare il tuo bisogno di padroneggiare te stesso
- praticare il tuo bisogno di rimanere in pace
- esercitarsi nella necessità di aiutare gli altri (di nuovo, attendere fino a quando non viene richiesto)

E ce ne sono di più, questi sono i pochi che mi sono venuti in mente in questo momento.
Di cosa hai bisogno quando interagisci con gli altri?


Io: Ivo, puoi commentare questo post per favore? Penso che questo renderebbe un buon video. Ricordare alle persone che devono tenere il loro ego sotto controllo se vogliono ascoltare il loro sé superiore, e che c'è di più nel discutere questioni con altre persone oltre al godimento perverso di cercare di dominarle, che è ciò che deve essere giusto è - è la necessità di possedere tutte le persone con cui parli ed essere migliore di loro.

Ivo: Amore mio, ne abbiamo discusso in altri video, credo, questo problema dell'arroganza e della pratica del potere sulle strutture altrui. Ci sono molti obiettivi da perseguire nella conversazione con gli altri piuttosto che la necessità di dominarli o di avere ragione. Hai suggerito alcuni esempi e possiamo discuterne e aggiungere altro nel mix.

Io: fantastico!

Ivo: Praticare il tuo bisogno di diffondere l'amore. Questo è uno sforzo utile. Le persone non sono sempre ricettive e gli altri sono nel discorso per trarne vantaggio, ma trascurando questi problemi, essere amorevoli verso gli altri è un modo meraviglioso di usare la tua energia. L'energia, infatti, dovrebbe fluire verso l'esterno, verso gli altri, non verso l'interno verso se stessi. Anche quando sei in una conversazione e mantieni una posizione di amore anche nei confronti di coloro che non sono reciproci, avvantaggia ancora te ed il mondo in generale.

Praticare il tuo bisogno di diffondere la verità. Questa è una posizione altamente vantaggiosa nel tuo mondo oggi. Se sei uno che capisce la verità del tuo dilemma comune, allora sei davvero benedetto e, francamente, sei anche obbligato a dirlo anche agli altri. Ti sono state fornite queste informazioni in modo da condividerle, in quanto è la posizione di 4D per l'essere umano: condividere con gli altri, non continuare a mantenere questa conoscenza per te stesso, poiché quello si tratta di un punto di vista 3D.

Nutrire e aiutare gli altri sono strettamente correlati, quindi ne parleremo in un punto. In realtà, ciò si traduce nell'amare gli altri, e sì, devi prima chiedere se l'aiuto è desiderato, altrimenti corri il rischio di contrastare loro libero arbitrio e ricadi nella struttura del "potere sugli altri".

Dare a un altro la conoscenza, l'amore o l'energia per andare avanti nel processo della propria vita è davvero una pratica benevola.

Parleremo anche di praticare la necessità di padroneggiare se stessi, oltre a dominare la necessità di rimanere in pace in tutte le circostanze in un punto. Spiegherò che il tuo potere è l'amore e l'amore funziona meglio quando sei in uno stato superiore. Questi stati superiori possono essere raggiunti solo quando uno è in pace e tranquillo; altrimenti l'energia cala nella frequenza vibrazionale e lavora contro il bene dell'esperitore e del collettivo. La pace è il primo passo verso l'autocontrollo. Non reagire alla provocazione è un altro passo salutare. Mantenere il proprio senso di sé piuttosto che perdere energia per un altro che potrebbe pensare di provocarti, come la conversazione di stamattina, amore mio, indica che hai il controllo della tua stessa energia. Naturalmente ci saranno ulteriori test.

Io: certo. Qual è il prossimo passo? Non essere innescato da nessuno e reagire alla loro provocazione quando stanno cercando di rubare la tua energia. Qual è il prossimo, Ivo?

Ivo: Amore mio, sei nel posto perfetto. Vedi il caos intorno a te e cammini come una persona pacifica in un mondo di raffiche e stress, non preoccupata per le prove e le tribolazioni che vedi essere giocate intorno a te. Mantenere la tua pace, nonostante tutte le prove che forse anche tu, dovresti stare male, perché questo è ciò che comporta essere insoddisfacenti: malessere.

Io: lo so.

Ivo: E così vivresti al contrario di tutti quelli che ti circondano. Essere in grado di mantenere la propria mentalità quando le mentalità di tutti gli altri sono su una frequenza stressante, essere l'occhio nel mezzo della tempesta, essere la calma in una giornata ventosa, essere in pace con se stessi quando tutto intorno a te sembra cadere a pezzi ... questo è padronanza di sé al tuo livello.

Io: Aha. Questo è il prossimo passo.

Ivo: Sei diretta lì.
Io: non sempre.

Ivo: Ti rendo conto di quando non sei stata all'altezza.

Io: lo so. LOL

Ivo: Immagina il potere di chi cammina in pace quando tutto intorno a lui è pieno di stress, sopraffatto da energia negativa.

Io: Sì.

Ivo: Quando hai questo livello di autocontrollo, sei un maestro e i tuoi poteri di cambiare la natura della vita aumenteranno. Ora stiamo lavorando con voi per cambiare il tempo, ma ci saranno più sfide per voi, mentre imparerete queste lezioni di autocontrollo.

Sì, quindi quali altre pratiche si possono assumere per se stessi mentre ci si alza dal letto la mattina?
Forse la necessità di vedere tutto come parte divina di Dio.
Forse la necessità di vedere tutto come Uno, non separato.
Forse la necessità di amare coloro che potresti aver dichiarato in precedenza tuo nemico (Sì, l'altro giorno hai augurato al tuo ex un felice compleanno ed era un tuo nemico.)

Io: Ivo, lo conoscevo 40 anni fa.

Ivo: E l'impatto che ha avuto sulle tue relazioni amorose è stato dannoso, certo. Ti ha inviato un messaggio contro il quale hai combattuto per così tanti anni e ti rendi conto ora che conoscerlo ti ha dato potere. Sì, ti sento chiamarlo un idiota, ma è stato un buon insegnante perché ti ha insegnato a stare nel tuo potere. Lo hai trovato estremamente seducente, attraente e desiderabile, ma hai dovuto combattere questi sentimenti di attrazione perché sapevi che dovevi imparare a dire di no e resistere al suo abuso per il tuo bene, e l'hai fatto.

Io: vero.

Ivo: Questo era un uomo che avresti voluto avere nella tua vita più a lungo di quanto non fosse il caso e molto meno casualmente, ma dovevi dirgli di no perché non era buono per te e tu lo sapevi.

Io: vero.

Ivo: Hai sempre lamentato che ciò che avresti sperato fosse per te era diverso da quello che era per te, perché volevi quest'uomo. Ci è voluto molto per liberartene, ma l'hai fatto. Hai rifiutato il suo abuso prima che diventasse estremo. Non vedi queste cose come noi. Riteniamo che tu abbia fatto abbastanza bene. Non era così tanto che era il tuo nemico giurato, amore mio, era perché non ti ha dato l'amore che volevi da lui. Non poteva amarti e questo era il motivo per cui eri arrabbiata con lui.

Io si. Capisco.

Ivo: Altre esigenze su cui si può lavorare:
La necessità di amare se stessi.
La necessità di mantenere l'autodisciplina.
La necessità di fissare limiti con se stessi e gli altri, ove appropriato.
La necessità di affermare se stessi e di dire di no quando necessario.
La necessità di mettere al primo posto il proprio interesse - onorare se stessi e liberare coloro che disonorano te, come il mio amore ha fatto con il suo uomo di 40 anni fa.

Io: non era l'unico.

Ivo: Sì, e hai continuamente rilasciato uomini che non potevano e non ti amerebbero. Di recente ti è stato anche sottolineato che questi uomini avevano la propensione a diventare il tuo gestore, se avessi permesso alle relazioni di continuare. Nonostante il modo in cui ti sentivi non amabile, hai continuato a rilasciare quegli uomini che non potevano amarti, quindi hai capito di essere adorabile e non ti accontentavi di niente di meno. Capisci?

Io si.

Ivo: E a tutti quelli del divino femminile e maschile che hanno rilasciato partner o pretendenti inadatti, questa lezione riguarda anche te. Il motivo per cui li stai rilasciando è perché non stai credendo che tu non sia amabile, capisci che lo sei davvero. Sharon, molte volte, non si è resa conto del motivo per cui si è comportata per amor proprio ed è stato il mio punto di dimostrarle che era lì da sempre.

Queste sono tutte strade per padronanza di sé. Tutti possono essere praticati quotidianamente e in relazione ad altre persone. Quando si sperimenta un fallimento, si tratta semplicemente di riprovare.
Quando si ha potere su se stessi, un mondo di poteri attende.

Io: grazie Ivo.

Ivo: Amore mio, sei un modello di ammirazione per me e per gli altri che vedono le sfide che hai affrontato e che hai superato. Applaudiamo la tua forza e la tua umiltà continua che incoraggia gli altri a superare le loro sfide, ma difficilmente riconosce le tue.

Io: quell'umiltà o una forma di abbandono, davvero, Ivo? So di farlo. Bene, forse un altro video.

(Mi sta dicendo che non ti applaudi per cose che sai innegabilmente fare.)









 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu