L'immagine Webb di Giove mostra detriti rocciosi dove sono parcheggiate le gigantesche ET Motherships? - La nuova umanità

Vai ai contenuti

Menu principale:

L'immagine Webb di Giove mostra detriti rocciosi dove sono parcheggiate le gigantesche ET Motherships?

Altri


L'immagine Webb di Giove mostra detriti rocciosi dove sono parcheggiate le gigantesche ET Motherships?

https://exopolitics.org/webb-image-of-jupiter-reveal-giant-et-motherships/


Scritto dal dottor Michael Salla il luglio 2022.

(traduzione Ben Boux  www.lanuovaumanita.net )



Il 12 luglio, la NASA ha tenuto un “live streaming” internazionale rilasciando le prime immagini ufficiali dal James Webb Space Telescope che mostrano esopianeti lontani, galassie, nebulose ed uno sguardo nel profondo del nostro universo. Il giorno successivo, la NASA ha rilasciato di nascosto un'immagine di Giove ripresa dal telescopio Webb, che mostrava un campo scuro evidente appena sopra l'atmosfera del gigante gassoso.
Era un'ombra, come sembrava affermare la NASA, o qualcosa di completamente diverso: parte di una flotta spaziale extraterrestre appena arrivata parcheggiata segretamente intorno a Giove?

Secondo la pagina web della NASA che annuncia il rilascio delle prime immagini del telescopio Webb:

Questi obiettivi elencati di seguito rappresentano la prima ondata di immagini e spettri scientifici a colori raccolti dall'osservatorio e l'inizio ufficiale delle operazioni scientifiche generali di Webb. Sono stati selezionati da un comitato internazionale di rappresentanti di NASA, ESA, CSA e Space Telescope Science Institute. Queste prime immagini dal telescopio spaziale più grande e potente del mondo mostrano Webb alla sua piena potenza, pronto per iniziare la sua missione per svelare l'universo dell'infrarosso.

https://www.youtube.com/watch?v=JEu2ZzGCilk&t=1s


Il live streaming della NASA è iniziato con un'immagine di
"campo profondo" che mostrava una porzione dell'universo "brulicante di galassie", che, secondo Jane Rigby , una Webb Operations Scientist, aveva "una nitidezza e una chiarezza che non abbiamo mai avuto".

Poi c'era l'immagine di un esopianeta gigante gassoso (WASP 96b) in transito sulla sua stella, che si trova a circa 1.120 anni luce dalla Terra. Il telescopio Webb fornisce un'analisi spettroscopica molto più dettagliata del sole sul fondo e successivamente deduce l'atmosfera dell'esopianeta di quanto fosse possibile con il suo predecessore, il telescopio spaziale Hubble. Secondo un comunicato stampa della NASA , un'analisi del transito dell'esopianeta mostra segni rivelatori di acqua nella sua atmosfera.

Molti scienziati hanno affermato che l'ulteriore chiarezza e nitidezza fornite dal telescopio Webb rende possibile il rilevamento futuro di firme biologiche e persino di firme tecnologiche da esopianeti distanti. In futuro, il telescopio Webb esaminerà gli esopianeti nella regione abitabile del loro sistema solare per determinare se esiste vita extraterrestre.

La terza immagine rilasciata dal telescopio Webb mostrava una nebulosa planetaria (aka Southern Ring Nebula) a circa 2.500 anni luce di distanza. La quarta immagine mostrava un raggruppamento di cinque galassie chiamato Stephan's Quintet, la più vicina delle quali si trova a circa 40 milioni di anni luce di distanza.

La quinta ed ultima immagine mostrava la Nebulosa Carina che è in procinto di creare nuove stelle, che era ancora una volta una regione lontana, a circa 8.500 anni luce di distanza.

La NASA ha deciso di non rilasciare immagini di Giove durante il live streaming, che avrebbe fornito le immagini più dettagliate del pianeta più grande del nostro sistema solare fino ad oggi.
Ciò è stato deludente poiché diverse fonti hanno affermato che Giove ha recentemente sperimentato qualcosa di estremamente raro: è circondato da flotte appena arrivate di astronavi giganti appartenenti a razze di Seeder extraterrestri!

Tuttavia, il giorno successivo, il 13 luglio, la NASA ha rilasciato di nascosto un'immagine di Giove scattata dal telescopio Webb. L'immagine mostrava Giove insieme a molte delle sue lune, Europa, Metis e Tebe. Mostrava anche un debole anello attorno a Giove.




Ciò che ha immediatamente attirato la mia attenzione è stata una vasta area oscura appena sopra l'atmosfera di Giove vicino a Europa. La didascalia nell'immagine della NASA diceva "anche l'ombra di Europa è visibile, appena a sinistra della macchia rossa gigante". Tuttavia, l'area scura non era affatto vicina alla macchia rossa. Cos'era?

Ho chiesto a Elena Danaan e Jean Charles Moyen, due contattati con diversi gruppi di extraterrestri, se qualcuna delle loro fonti potesse spiegare l'area oscura. Danaan rispose per primo che Oona, un rappresentante della Confederazione Intergalattica, aveva un messaggio da condividere. Ha presentato pubblicamente il messaggio di Oona in un live streaming del 13 luglio su YouTube . Ecco il messaggio completo di ciò che Oona aveva da dire sulla misteriosa area oscura, insieme alle informazioni sulle flotte spaziali appena arrivate che avevano parcheggiato nelle vicinanze di Giove.

Un saluto a chi leggerà questa comunicazione che sto trasmettendo ora. Qui il primo emissario alteano Oona parla a nome della Confederazione Intergalattica, Consiglio dei Ventiquattro.

Ci sono centotrentotto navi madre che fanno parte dell'Alleanza Nataru nel tuo sistema stellare chiamato Sol, con le loro flotte. Questo numero rappresenta diverse migliaia di velivoli.

Cinquecentocinquanta navi della Confederazione Intergalattica sono entrate nel vostro sistema stellare e sono stazionate in orbita del vostro pianeta chiamato Giove, e quattro sono attualmente in orbita del vostro pianeta Terra.

In articoli precedenti, ho discusso delle navi madre appena arrivate dalla Confederazione Intergalattica, alias Seeders o Guardians. La mia fonte più credibile è un attuale militare dell'esercito americano, JP, che afferma di essere stato inviato in missione segreta sulla luna di Giove, Ganimede,
dove il comando spaziale degli Stati Uniti ha allestito strutture per accogliere e mantenere i contatti con i visitatori extraterrestri appena arrivati.

È importante sottolineare che le informazioni di JP non sono canalizzate ma arrivano direttamente dall'esperienza pratica acquisita durante una missione spaziale classificata guidata dallo US Space Command . Come ho descritto in precedenza, JP è incoraggiato a rivelare la sua partecipazione a missioni altamente riservate nello spazio od a viaggiare verso archi spaziali nascosti sulla Terra da agenti segreti. Tuttavia, i suoi diretti superiori dell'esercito disapprovano ciò che percepiscono come la sua divulgazione non autorizzata di informazioni riservate, mettendolo così in una situazione delicata che richiede l'anonimato.

Insieme ad Elena Danaan e JP, altri contattati hanno riferito di essere stati informati dai loro contatti extraterrestri che le flotte spaziali appena arrivate hanno parcheggiato nelle vicinanze di Giove. Questi includono Alex Collier , James Gilliland , Jean Charles Moyen e David Rousseau, i quali hanno tutti confermato nelle interviste che un gran numero di veicoli spaziali extraterrestri era recentemente arrivato.

Tornando all'immagine di Webb Jupiter, Oona ha poi spiegato di cosa si trattava:

L'immagine del vostro pianeta Giove recentemente divulgata mostra la nuvola di rocce orbitali, oltre alla griglia di difesa delle navi dell'avamposto di Ashtar, oltre ad alcune delle nostre navi madre. La maggior parte della nostra flotta è dietro il pianeta Giove, nascosta alla tua vista. La divulgazione di questa immagine non è un errore, ma una mossa dell'Alleanza Terrestre responsabile del programma.

Le istanze terrestri possono chiamare le nostre navi "punti freddi", c'è la verità. Altre immagini in arrivo. Il piano è nei tempi previsti. Un passo alla volta.

Ti stiamo tenendo la mano e non devi voltarti indietro. Invece, guarda in alto. Nel più ampio disegno dell'universo, sei già dall'altra parte del ponte.

Con amore, Oona.

Un attento esame dell'area oscurata mostra che non è un'ombra, come suggerito dalla NASA, ma un grande campo scuro in orbita attorno a Giove appena sopra la sua atmosfera. Una
"nuvola di rocce orbitali" che fa parte di una griglia di difesa appartenente ad una città galleggiante controllata dal Comando Ashtar, di cui ho già parlato in precedenza, insieme a grandi navi madre parcheggiate vicino alle rocce, è molto plausibile.

Il supporto per l'osservazione di Oona viene da Moyen, che ha detto che la sua principale fonte extraterrestre, Victor, gli ha detto che il punto oscuro era
"una grande nave madre".

L'immagine di Giove del telescopio spaziale James Webb potrebbe fornire la prima prova fotografica che mostra alcuni di questi veicoli spaziali parcheggiati segretamente nelle vicinanze di Giove. Se Oona ha ragione sul programma di divulgazione segreta in corso, possiamo anticipare il rilascio di più immagini di Giove, rivelando ancora più dettagli della gigantesca navicella spaziale parcheggiata intorno a Giove e alle sue lune.

© Michael E. Salla, Ph.D. Avviso sul copyright

Molte grazie a Elena Danaan per il permesso di includere il suo messaggio da Oona riguardante l'immagine di Giove del telescopio spaziale Webb.



 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu