Sananda. I Beni Materiali - La nuova umanità

Vai ai contenuti

Menu principale:

Sananda. I Beni Materiali

Sananda, Esu,Kathryn

Sananda. I Beni Materiali

https://www.anjoseluz.com/post/sananda-os-bens-materiais

Canalizzato da: Anjos e Luz Terapias, 22 novembre 2021.

(Traduzione Lina Capettini –
www.lanuovaumanita.net )


Cari figli e figlie del pianeta Terra! IO SONO SANANDA!

Ancora una volta, ancora e ancora, sono grato di essere qui oggi. Ora parlerò di un certo argomento, non direi che è un argomento noioso, ma è un argomento a cui non vi piace molto pensare
: i vostri beni materiali. Questo intero pianeta è stato diviso. Qualcuno ad un certo punto ha deciso di mettere piede da qualche parte; lì ha deciso che quello spazio sarebbe stato suo. Un giorno qualcun altro è arrivato, l'ha trovato interessante e ha deciso di mettere piede anche lui nello stesso posto. E così, a poco a poco, si sono create le città. Ciascuno si impossessava di ciò che credeva di meritare, secondo la sua importanza; secondo i propri beni, con i propri averi.

E in questo modo, per molto tempo, hanno diviso il pianeta. Hanno delimitato i confini, cioè hanno circoscritto i loro possedimenti e questa limitazione si applica a voi come individui, al vostro quartiere, alla vostra città, al vostro stato, al vostro paese. Quindi notate quanti piccoli confini sono stati creati. E poi faccio una domanda: per cosa? Capisco anche che per un paese enorme sia comodo che ci siano divisioni, in modo da potervi muovere correttamente. Sono d'accordo. Ma non sarebbe necessario che ci fossero dei confini. Potreste delimitare ogni spazio, dare un nome ad ogni piccolo villaggio. Ma a cosa servono i confini? Per affermare semplicemente la proprietà. Cosa è stato preso da chi? Chi vi ha dato i beni?

Per quanto ne so, Gaia non ha firmato nessun documento che vi venda niente. Solo perché voi apriate la bocca e diciate che possedete quel pezzo di Terra. Per quanto ne so, Gaia non l'ha fatto. Dunque chi? Chi ha dato la proprietà? O mettiamola in un altro modo. Voi vi siete dati la proprietà; per "voi" insomma, intendo quello che per primo è arrivato in quel luogo e ha iniziato a creare tutto, in nome di sé stesso. Quindi, è come se quel primo avesse creato una grande città e tutto al suo interno fosse suo. E poi si è arricchito, guadagnando da terre che non gli appartenevano.

Vorrei farvi pensare riguardo a questo. Il pezzo di Terra su cui vivete, secondo come lo intendete, è vostro; la proprietà costruita lì è vostra. Ma io vi chiedo: chi vi ha dato la proprietà di questo posto? Chi? E non rispondetemi ironicamente che l'avete comprato da qualcun altro. Sì, l'avete fatto, da qualcuno che ha comprato da qualcun altro, che ha comprato da qualcun altro, da qualcuno che ha usurpato la terra di Gaia, supponendo che quella terra fosse sua. Allora a chi appartiene? Vi state prendendo in giro da molto tempo, pensando che tutto ciò che avete sia vostro.

Quindi vi dico: non avete niente. Niente appartiene a nessuno, perché il suolo non è di nessuno, il suolo è di Gaia. Il suolo non appartiene a voi, al vostro quartiere, alla vostra città, al vostro paese, a nessuno; il suolo appartiene a Gaia. Allora perché discutete con arroganza con noi quando diciamo che ci sarà uguaglianza? Che nessuno possiederà niente? Voglio che voi capiate che non possedete più nulla. Forse che qualcuno, quando lascia il corpo fisico, porta con sé i documenti della proprietà che ha acquistato, in modo che in una prossima incarnazione ritorni con gli stessi documenti e rivendichi quella posizione? No, non esiste.

Vi chiedo: quali sono i vostri beni materiali? Quali sono i vostri beni? Qual è il vostro patrimonio bancario? Rispondo: niente. Perché quando lasciate il corpo fisico, non prendete con voi niente. Allora in che modo è vostro? Se fosse vostro, lo prendereste. E cosa prendete invece? Prendete le vostre esperienze, i vostri ricordi, prendete quello. Queste sono le vostre cose, niente di materiale. Allora perché voi umani litigate così tanto per un pezzo di terra? Combattete così tanto per un pezzo di terra che ha qualche ricchezza, perché? Non possedete nulla e molto presto lo capirete profondamente: che
non possedete più nulla.

Molte persone sono arrabbiate quando diciamo questo, pensano che sia ingiusto. E poi, vi chiedo: è giusto che qualcuno abbia migliaia di chilometri di terra deforestata, quando molti hanno fame perché non hanno un posto dove piantare nulla, perché non hanno un pezzo di terra in cui piantare? È giusto? Allora mi risponderete di sì, perché l'avete comprato. Cosa avete comprato? Da chi? Le terre non sono vostre, le terre sono di Gaia. Quel terreno che ripulite, che usate con i vostri prodotti chimici, non è vostro, è di Gaia. Voi ne state usufruendo, non possedete nulla.

E' necessario che iniziate a cambiare questo concetto dei beni materiali.
Il superfluo non esisterà nella 5D. Vivrete con ciò che vi è strettamente necessario per vivere. Rispettando colui che è il vero proprietario, che è il pianeta, è Gaia. Gaia vi darà qualcosa da mangiare, sì, perché è amorevole. Ma tutto in equilibrio, senza distruggere nulla. Non è distruggendo il suolo di Gaia che avrete cibo.

Perciò ve lo dico, e lo dico qui: cominciate a modificare le vostre visioni sui beni materiali. Non potete comprare ciò che non è vostro. Il suolo non appartiene a nessuno, appartiene al pianeta. Gaia non vi ha venduto nulla, Gaia non vi ha dato nulla,
semplicemente vi permette di vivere su di lei. Allora potrete vivere, ma non ci sarà proprietà, nessuno possiederà nulla. Ognuno lavorerà per il Tutto, non per sé stesso, per arricchirsi. Nessuno diventerà ricco perché tutti saranno ricchi. Non ci saranno poveri, non ci sarà miseria, non ci sarà fame. Allora tutti saranno ricchi, perché tutti avranno diritto a tutto. Né più né meno dell'altro, ognuno avrà diritto a tutto.

Non immaginate che vedrete enormi palazzi e piccole case; non sarà così. Ci saranno posti dove vivere. Solo quello. Dove non apparterrà a nessuno, apparterrà a chi avrà bisogno di esserci. Vi dà fastidio? Vi fa rivoltare? Iniziate a pensarci, iniziate a cambiare i vostri concetti. Non ci saranno beni, non ci saranno beni materiali. Tutto apparterrà a tutti e tutti avranno il diritto. Ora, sia molto chiaro quello che ho detto qui un giorno: per vivere in questo Nuovo Mondo, dovete rispettare il vostro viaggio, dovete fare la vostra parte. Non è semplicemente voler raggiungere la 5D. Volere ciò che tutti vogliono. Per arrivarci... la strada da percorrere è lunga.

Pensate solo che chiunque arrivi non si preoccuperà dei beni, non si preoccuperà di vivere in una villa, perché su Terra Vecchia viveva in una villa. Si occuperà solo di vivere, di avere un tetto sulla testa. Solo quello. Iniziate a fare anche questo, un insegnamento: non avere niente. Niente è vostro, tutto appartiene al pianeta. E finché manterrete l'attaccamento a questi beni materiali, il viaggio sarà duro, in modo che voi capiate che non avete nulla. Sono state idee e contesti avviati da coloro che oggi sono i più ricchi del pianeta, perché hanno preso la terra, hanno venduto la terra e voi avete continuato a comprarla fino ad oggi, cosa che non ha prezzo. Capiamo che è il vostro mondo.

Vi sto dicendo che questo sta per finire. Non ci saranno più beni, né beni materiali. Tutto apparterrà a tutti e chiunque potrà usarlo, chiunque potrà vivere dove vorrà. Basta non dimenticare mai che per vivere in quel mondo, allora sì, il distacco dai beni materiali, ve lo assicuro, sarà un grande ostacolo.




 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu