Sananda. I tuoi dubbi ed Internet e il culto dei morti - La nuova umanità

Vai ai contenuti

Menu principale:

Sananda. I tuoi dubbi ed Internet e il culto dei morti

Sananda, Esu,Kathryn

Sananda. I tuoi dubbi ed Internet e il culto dei morti

https://www.anjoseluz.com/post/sananda-as-vossas-d%C3%BAvidas-e-a-internet

Canalizzato da: Anjos e Luz Terapias, 2 novembre 2021

(traduzione Ben Boux  www.lanuovaumanita.net)


Cari figli e figlie del pianeta Terra! IO SONO SANANDA!

Può sembrare ripetitivo per voi, può sembrare noioso per alcuni, ma non mi stancherò mai di essere grato ogni volta che sarò qui; ogni volta che posso portare i miei messaggi a così tante persone contemporaneamente. La tecnologia non ha portato solo la consapevolezza del male, la consapevolezza della violenza, la consapevolezza di molte cose cattive, che vedete. La tecnologia era necessaria per questo momento; è stata creata per questo scopo, in modo che la nostra parola potesse essere estesa, rapidamente in tempo reale, all'intero pianeta.

Solo tutto ciò che è creato dalla Luce è contaminato dalla non-luce; e questo mezzo, che sarebbe un mezzo di amore, insegnamento, espansione della coscienza, è diventato anche un modo abusivo, totalmente fuori controllo, causando spesso molti danni a molte persone. Ma devo dirvi che sono tutte scelte. Le scelte che fate voi stessi su cosa cercare, cosa vedere, cosa ascoltare; ognuno di voi ha il proprio libero arbitrio di sapere cosa vuole, e posso assicurare a ciascuno di voi che attraete esattamente ciò che vibra nel vostro raggio.

Tante volte quando iniziate a cercare un certo argomento, e vedete qualcosa di strano, qualcosa qui che non fa parte di quel contesto, fermatevi e chiedetevi: "Cosa stai vibrando in quel momento?". Nota questo: quanto tempo impiega ogni pensiero? Milionesimi di secondo, ma questo piccolo pensiero risuona, emana un'energia, e quel mezzo è molto avido, molto veloce, molto audace; e vi restituisce, direi, esageratamente, proprio quello che cercate. Proprio con quel pizzico che proviene dal vostro stesso pensiero.

Un altro punto importante è la ricerca eterna. Perché non vi accontenti di poco? Dovete avere tanto, dovete essere sempre in prima fila, capaci di mettervi in mostra e di dire: "No, lo so; oh anche questo, oh anche questo", per riempire il vostro ego, dimostrare che siete uno studente diligente o mostrare che vi piace mettervi in mostra? Allora perché tanta ricerca? Perché non vi accontentate di ascoltare i vostri cuori? Tante volte abbiamo detto qui: avete dei dubbi? Chiedeteci e vi risponderemo, ma voi non vi fidate; né in voi né in noi.

Allora mi chiedo, è perché forse non sentirete da noi cosa vorreste? È perché noi, il più delle volte, non saremmo d'accordo con quello che vi aspettate? O è che chiedete all'altro, trovate sempre quel modo di contestare ciò che dice e di far valere ciò che volete sentire? Quindi non siete mai soddisfatti. Avete sempre bisogno di ascoltare qui, ascoltare là, ascoltare più in là; e poi potete prendere una decisione: qual era il posto più vicino a quello che volevate sentire. Ed anche questa è una tattica.

Cercate qualcosa, con un sentimento di dubbio, perché non avete creduto a ciò che è stato detto. Quindi basta questo dubbio per far riverberare in quella rete e la rete vi restituisce più dubbi, perché più dubbi avete, più sarete lontani, perché in fondo non crederete mai a quello che diciamo; perché avete così tante domande, così tanti punti su cui riflettere, che è difficile credere, fedelmente e ciecamente, a ciò che abbiamo detto. Questo è il punto.

La tecnologia non è cattiva, voi la rendete cattiva. Perché se cercate di espandere la vostra conoscenza, comprendete ciò che ho detto: Espandete la conoscenza; non state cercando l'affermazione di ciò che già sapete. Volete espandervi, volete saperne di più, ma non per dubitare; volete ampliare la vostra consapevolezza e inoltre non volete andare là fuori a mostrarvi a nessuno. Volete solo imparare da solo. Perfetto. Metterete un sentimento nella rete, data la conoscenza, e vi restituirà, senza dubbio, perché non avete dubbi.

Rendetevi conto che tutto accade in risposta a ciò che chiedete e pensate. Non incolpate la rete per tutto ciò che vedete lì ed è contaminata. No, non biasimatela, perché se avete attirato quel video, quell'audio, quel testo contaminato, l'avete fatto vibrare. In qualche modo, il dubbio, l'interrogatorio, la totale mancanza di fiducia in ciò che avete già sentito, vi ha portato a cercare qualcos'altro, e questo è sufficiente per riportare altri dubbi.

Quindi non incolpate la rete. La rete è ciò che ne fate voi. Se si è depravata, se si è contaminata, se è diventata marcia, l'avete nutrita. Chi ha messo lì dentro le cose marce? Eravate voi. Poi molti risponderanno: "No, non sono stato io". Non eravate proprio voi, ma qualcuno l'ha messo e qualcuno l'ha visto e gli è piaciuto e l'ha diffuso e si è detto; è quella la diffusione. Quindi, quando vi parlo, perché il cappuccio vi ha dato fastidio? Siete voi che l'avete contaminato, e tutto è fatto perché le cose si contaminino sempre di più; ma tutto per la prima decisione di ciascuno di voi.

Quando diffondete notizie false senza nemmeno cercare di scoprire se sono vere o no, chi le ha diffuse? "Oh, ma non l'ho iniziato io. Ho ricevuto". E perché l'avete diffuso? Siete anche colpevoli di diffondere paura e mentire agli altri fratelli. Quindi smettetela di incolpare la rete per tutto ciò che vi accade di brutto. Restituite ciò che riverberate; ciò che emanate. Restituite tutto ciò che avete pensato, tutto ciò che avete emanato, niente di più.

Allora chiedo a ciascuno di voi: in futuro, quando tutto sarà pulito, vi fiderete della rete o continuerete a cercare risposte alle vostre domande? Come pensate che sarà? Avete ancora domande? Metterete ancora in dubbio ciò che viene detto per noi? Lascio questa domanda nelle vostre menti. Come pensate che sarà la vostra fiducia in noi nella 5D? Ci interrogherete ancora? Penserete ancora che non stiamo dicendo la verità o ci crederete al 100%?

Forse lo state vedendo per crederci. Non sarà più come qui, dove dovete credere senza vedere. Lì lo vedrai accadere. Quindi forse i vostri dubbi finiranno. Sarà così? Quindi vi lascio con questo pensiero. Cosa, cosa e come farò affidamento sulle informazioni nella 5D? Mi fiderò ad occhi chiusi senza fare domande o continuerò a cercare perché ho dei dubbi? Perché cercare di espandere la conoscenza è favoloso, purché non aumenti il vostro ego. Ora cercate di dimostrare quanto detto, la fonte è il dubbio, e quindi avrete ancora dubbi?

Questo è un argomento complesso. Non sembra, ma lo è. E lo ripeto: ricevete ciò che emanate. La Legge dell'Universo non fallisce e tutto è velocissimo. Quindi ciò che emanate ritorna rapidamente come risultato. Quindi prestate attenzione a ciò che state emanando. Come state cercando di risolvere le vostre domande? È una questione di ampliamento della conoscenza o una questione di ciò che è stato detto. Pensateci molto. Perché cercate così tanto? Perché quello che si dice non vi basta.

C'è ancora quel piccolo insetto che vi mangia il cervello e dice: "Non fidarti di me. Questa è tutta una bugia. Credi per te stesso. Ricerca". Benissimo, fate le vostre ricerche, e vedrete dove vi porteranno i vostri dubbi. Vi garantisco che ci sono più dubbi.
Quindi, in chiusura, dirò solo una frase: non dovete fidarvi di nessuno, di tutto ciò che viene detto. Dovete ascoltare i vostri cuori, perché il vostro cuore è il vostro centro di potere. È lì che agisce il vostro Sé Superiore e dice esattamente a ciascuno di voi: "Questo è vero. Questa è una bugia".

Ma cosa dovete fare per ascoltare i vostri cuori? Pochissimo, ascoltateli e basta. Nient'altro. Imparate ad ascoltare i vostri cuori e saprete se ciò che viene detto è vero o no, indipendentemente da chi lo dice o no.

Imparate questo. Direi che in questo momento questa è la lezione più importante da imparare: ascoltate i vostri cuori, perché così comunicheremo con voi, attraverso i vostri cuori. E sarà lui a dirti se tutto ciò che state vivendo, vedendo o ascoltando sarà vero o no. Imparate questo. Concentratevi sui vostri cuori spirituali e vi assicuro che ascolterete la nostra voce e, cosa più importante, sentirete la voce del vostro Sé Superiore.

##########################################################.


Sananda. Il culto dei morti

https://www.anjoseluz.com/post/sananda-o-culto-aos-mortos


Cari figli e figlie del pianeta Terra! IO SONO SANANDA!

E come ho detto prima, non mi stancherò mai di essere grato di essere di nuovo qui. In questo giorno, in cui adorate i morti, vorrei lasciare alcune parole. Cos'è la morte? Per voi, motivo di disperazione, sofferenza, angoscia, dolore, rabbia; e perché non dire a molti, gioia, felicità di essere liberati da un essere dannoso. Quindi i sentimenti sono innumerevoli. Ognuno si sente a suo modo, ma io chiedo ancora: che cos'è la morte?

Per molti di voi è la fine; la fine della strada, la fine del percorso, la fine della convivenza, la fine dell'amore, la fine della relazione. In generale, la fine. Per noi è motivo di gioia, perché quell'anima è ancora una volta liberata da quel corpo che l'ha imprigionata e potrà vedere tutto ciò che ha fatto di male, potrà imparare; potrà studiare; può decidere di ritornare, può decidere di non ritornare; tutto dipenderà dal vostro grado di evoluzione e da ciò che decide il Consiglio Karmico.

Naturalmente comprendiamo il dolore della perdita. Non sono qui mai per togliere questo fatto, né per trovarlo inutile. Perché vivere il lutto di una morte è necessario, dove si soffre per la rottura di quel rapporto. Quindi piangete, piangete molto, mi mancate, ma non aggrappatevi a quell'anima che se n'è andata. Lo abbiamo sempre detto: ogni anima fa la sua scelta, ogni anima riceve ciò che semina.

La morte arriva per diverse ragioni: per determinazione dell'anima stessa; per non essersi presa cura di se stessa, del suo corpo fisico; per aver messo a rischio la vostra vita; dalla sua stessa decisione di togliersi la vita. La morte arriva in molti modi e cosa spetta a ciascuno di voi? Rispettare quell'anima. Per molti, la morte di qualcuno è qualcosa che aveva uno scopo; quella persona è morta per farvi soffrire, per farvi del male. E poi vi dico: state lasciando che il vostro ego parli più forte. Perché su chi pianifica la propria morte per nuocere all'altro, non sarebbe possibile menzionare qui tutti i sentimenti coinvolti.

Questo è un argomento di cui potrei parlare, parlare qui, ore e ore e ore, ma non è così. Quello che vorrei lasciare è una parola: amore. Siate grati per il tempo che avete vissuto con coloro che se ne sono andati. Avete avuto questa opportunità, non importa che tipo di relazione avete avuto. Avete avuto momenti felici, avete avuto momenti tristi, momenti di disaccordo, non importa;
avete vissuto con quell'anima che se n'è andata. Siate grati per questo.

Le avete insegnato molto e lei ha insegnato molto a voi. Quindi siate grati per il vostro tempo insieme. Non affrontate la morte di quell'essere, di quell'anima, come una punizione per voi, perché vi fa soffrire. Non è una sua scelta farvi soffrire. Ha semplicemente scelto di morire e sarebbe molto felice se voi accettaste la sua decisione. Ed ecco una cosa molto importante: la decisione della morte avviene prima di incarnarsi. L'anima stabilisce esattamente cosa passerà e quando morirà.

Le persone intorno, non hanno nulla a che fare con la decisione. Casi eccezionali, quelli in cui l'anima provoca la propria morte, ma direi, rispettate anche la sua decisione. Quindi in ogni momento c'è sempre amore e rispetto. E se dicessi a ciascuno di voi che molto presto nella 5D avrete l'opportunità di stare di nuovo con ciascuno dei cari che avete avuto? E poi vi dirò una cosa: sarete consapevole di tutte le vite che avete avuto. Quindi sarà anche difficile vedere così tanti parenti, così tanti amici, da eoni di tempo.

Naturalmente, non verranno visualizzati tutti in una volta; appariranno i più recenti, quelli con cui ricordate di aver avuto contatti. Ma un fatto è importante: non tutti quelli con cui avete avuto contatti li vedrete nella 5D; perché non saranno anime di 5D; potrebbero essere ancora anime di 3D. Ma voi avrete questa consapevolezza e potrete aiutarli ad evolversi, anche senza vederli. Basta essere consapevoli di dove sono e potete emanare tutto l'amore per loro per seguire il percorso dell'evoluzione; non voglio rimanere nella dualità di una 3D.

Allora perché la tristezza? Se il dolore è troppo profondo, se il dolore è troppo forte, noi siamo qui per abbracciarvi, sostenervi, abbracciarvi. Basta chiedere, e certamente chi chiede con fede, chi chiede con tenerezza, affetto, riceve questo abbraccio; riceve il grembo di mia madre che accarezzerà e asciugherà tutte le lacrime. Vorrei tanto chiedere a ciascuno di voi oggi: non soffrite. Siate grati per il tempo trascorso con quell'essere. Ricordate i bei tempi. Ricordate tutto ciò che avete vissuto; trascorrere la giornata ridendo, ricordando i bei tempi; questo, sì, rallegrerà l'anima di chi è andato e porterà respiro ai loro cuori.

La sofferenza non è rappresentativa dell'amore. Piangere, prendere a calci, urlare, gridare, per dimostrare la perdita, non rappresenta l'amore. Direi che spesso recita una commedia, una commedia, in cui si ha bisogno di dimostrare la propria disperazione affinché gli altri si sentano dispiaciuti; ma in fondo il cuore si rallegra per chi se n'è andato. Quindi siate autentici. Siate grati per l'esperienza di aver vissuto, con coloro che se ne sono andati.

Non è più un momento di dolore, di sofferenza. Il momento del dolore e della sofferenza è il momento della perdita e poiché adorate seppellire i vostri corpi fisici, è lì che finisce tutto questo dolore e si trasforma in desiderio e gratitudine. Non può più soffrire. Perché quando c'è sofferenza non state causando sofferenza solo a voi stessi, ma anche all'anima defunta; e non ha pace, non si chiude, si blocca con voi, perché vi tenete in contatto con lei.

Renditi conto di quanto siete egoisti. Rispettate la decisione di quell'anima di andarsene e cambiate i vostri sentimenti in gratitudine e desiderio. Capisco che sono eoni di tempo che siete abituati a questi macabri rituali che vi sono stati imposti. In passato i corpi venivano sempre bruciati, perché non c'era più niente, ma oggi vi diverti ad adorare qualcosa di morto, qualcosa di senza vita, totalmente privo di significato.

Chiedo a ciascuno di voi: desiderio e gratitudine, non sofferenza e dolore. Perché non ho potuto fare a meno di ricordarlo, nel soffrire e legare quell'anima a voi, vi si riverbera anche, ha delle conseguenze anche per voi, perché state schiavizzando quell'anima e sicuramente il vostro raccolto non sarà buono.

Quindi rispetta l'anima che se n'è andata e continuate il vostro cammino. Chiedete aiuto a chi volete e vi sarà sicuramente dato.







 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu