Sananda. Il Credente, per prima cosa, non pensare mai a te stesso come un fallimento. - La nuova umanità

Vai ai contenuti

Menu principale:

Sananda. Il Credente, per prima cosa, non pensare mai a te stesso come un fallimento.

Sananda, Esu,Kathryn

Sananda. Il Credente, per prima cosa, non pensare mai a te stesso come un fallimento.

https://www.anjoseluz.com/post/sananda-o-acreditar

Canalizzato da: Anjos e Luz Terapias, 27 settembre 2021.

(traduzione Ben Boux  
www.lanuovaumanita.net)


Cari figli e figli del pianeta Terra! IO SONO SANANDA!

Ancora una volta, e non mi stancherò mai di dire, è con grande gioia che vengo qui, ancora una volta oggi. Oggi voglio affrontare un argomento un po' complesso, ma vi assicuro che è molto semplice: credere. Che cosa è credere? Ci sono diversi modi che potete trovare per credere in qualcosa, il principale è vederla accadere. Perché quando avete piena consapevolezza del fatto che sta avvenendo, è una ragione più che sufficiente per credere. E soprattutto se vedete l'origine di come è stata attivata e come è avvenuta; allora è perfetto. Ripetete esattamente ciò che è stato detto, ciò che è stato fatto e tutto accadrà esattamente come l'avete visto. Lo sarà?

Vi faccio il solito esempio: prendete una ricetta, mettete insieme tutti gli ingredienti, la preparate esattamente come indicato, e aspettate il risultato. Alcune riescono esattamente come mostrato ed in questo momento vi sentite realizzato perché siete stati in grado di riprodurre esattamente ciò che è stato detto. Ma c'è quell'altro gruppo in cui il risultato non è stato quello che ci si aspettava. Come mai? Se avete seguito esattamente le istruzioni fornite, perché è andata diversamente? Rispondo: perché lì c'era la vostra energia. In quell'intero procedimento ci avete messo la vostra energia, e la vostra energia non era un'energia di successo, era quell'energia di dubbio… "Oh, sarò in grado di farlo? Ce la farò?" Ed esattamente quello che avete ottenuto era proporzionato a quello in cui credevate.

Rendetevi conto che anche se vedete la preparazione, il procedimento e la fine, non è mai garantito che accadrà la stessa cosa nella vostra vita, perché ci sono così tanti componenti lì. Ovviamente non sono qui a parlare di cose semplici, di miscele che non possono andare male. Parlo di cose più complesse, dove è necessario avere tutte le conoscenze, per quanto piccole, per poterle realizzare. Quindi solo guardare, vedere il risultato, non significa che quando provate a farlo, verrà fuori allo stesso modo. Perché ognuno di voi ha un modo, ha una maniera, ha una convinzione, ha una fiducia o no. E questi fattori vengono aggiunti agli "N" altri per dare il risultato.

Gli eventi nel vostro mondo non sono formule matematiche, alcune delle quali danno un solo risultato. Ma ci sono anche formule matematiche, che danno risultati diversi. Quindi rendetevi conto che nulla è limitato, che nulla è mai totalmente giusto. Credere, credere di vedere, è un modo per farvi credere che anche voi avrete successo, ma non è una garanzia. Quindi cosa devete avere? Dovete avere la fiducia e la certezza che in voi c'è quella capacità di produrre il risultato che desiderate. E poi sto parlando di tutto, non solo di quello che vedete accadere, ma di qualsiasi cosa.

L'energia che riponete di fiducia, fede, certezza del risultato soddisfacente al 100%, aggiunge molto a quel processo, migliorando proporzionalmente il risultato in relazione alla vostra convinzione. Rendetevi perciò conto che non ha senso imitare l'altro. Potete, sì, avere la ricetta pronta in mano, quella ricetta che avete visto fare e tutto ha funzionato. Ma l'avete fatta e non è andata come previsto.

Per prima cosa, non pensare mai a te stesso come un fallimento.

Forse c'è una lezione lì, come a dire: "Devi essere più concentrato, devi crederci di più, devi amare quello che stai facendo!" E proverete ancora, ed ancora ed ancora, finché un giorno otterrete quel meraviglioso risultato che avevate visto. Questa è anche un'esperienza di apprendimento, è il modo per superare ogni ostacolo che appare.

Ora parliamo di un altro credo: è quel credo che non potete afferrare, non potete vedere, sentite solo qualcuno dire, sentite qualcuno parlare. Come potete credere, come potete essere sicuri che avrete successo? Se non avete gli ingredienti, non avete il modo per farlo, non avete niente, avete solo qualcuno che dice:
"Guarda, fallo e ce la farai!" Come allora credere, come potete farlo accadere? "Non ho niente a cui aggrapparmi, come farò a farlo accadere?"

In questo momento è dove entra in gioco il fattore principale in tutto questo: la fiducia. Ma non il fidarvi di chi ve l'ha detto, è fidarvi di voi stessi, è fidarvi che potete farcela.
"Oh, ma non so come si fa?" Quando avete la fiducia, come per magia, l'abilità, gli ingredienti, il procedimento appaiono davanti a voi, vi vengono mostrati in modo cristallino. E se continuate a credere in voi stessi, inizia la reazione ed il risultato arriverà dopo.

Sì, non possiamo dire qui che il risultato sarà immediato. Non è come quella ricetta che fate e dopo un po' è fatta. No, in questi casi lo farete, lo ripeterete, lo rifarete, ancora una volta, e lo farete "N" volte, finché non otterrete il risultato. E cosa fare per accelerare questi "N" tempi? Abbiate fiducia, credete, abbiate maggiore consapevolezza, che siete un essere potente e che avete la capacità di fare tutto ciò che volete, purché questo esperimento sia buono per voi, in primo luogo, e buono per il Tutto.

Perciò vi dico che qualunque cosa vi porti gioia, qualunque cosa vi porti vittoria, qualunque cosa vi rechi soddisfazione, è bene per il Tutto; perché lo emanate, ed emanandolo modificate il Tutto. Crediamo, confidiamo che siete esseri potenti. È come ho detto, non è oggi per voi immaginare che davanti a voi apparirà qualcosa, che potrete materializzare ciò che volete davanti a voi. Ma vi garantisco, se provate 1, 2, 3, "N" volte, e sempre di più, a mettere a fuoco, a mettere saggezza, a mettere fede, a mettere certezza e fiducia, un giorno vedrete quello che volete davanti a voi. Dipende solo da voi.

Molte volte mettete su di noi la realizzazione delle cose. Ci viene chiesto… "Oh, chiedo questo…" qualunque Essere di Luce possa essere, Dio Padre/Madre, non importa, e si stabilisce lì. "L'ho già chiesto, ora lasciate che mi corrano dietro!" Ancora una volta vi ricordo:
noi non facciamo nulla. Lo facciamo, quando voi fate il primo passo; quando vi mettete nell'elaborazione di ciò che state chiedendo; quando credete a quello che chiedete; quando fate la vostra parte. Allora sì, diamo quella piccola spinta per aiutarvi. Ma perché? Perché avete fatto come vi siete fidati anche delle vostre forze, non avete lasciato tutto su di noi.

Quindi qualunque cosa chiedete e non fate nulla, non ottenete nulla. Perché solo voi fai ciò che è necessario nel vostro mondo per raggiungerlo, noi lo faremo qui, nel nostro mondo, per aiutarvi. Non vogliamo che tutto accada con il nostro intervento. Dovete fare il primo passo e tutti i passi avanti in modo che possiamo vedere che vi state impegnando, quindi sì, vi aiuteremo.

Allora cos'è credere? Credere non è credere nell'Essere di Luce, non è credere in Dio Padre/Madre, è credere in voi stessi. Avete il potere nelle vostre mani, siete capaci di tutto. No, non ditemi che non lo siete, perché avete reso questo mondo così com'è. Se voi non aveste potere, nulla di ciò che esiste oggi nel vostro mondo sarebbe stato creato. Vivreste ancora in paradiso, perché non avreste la forza di cambiare ciò che Dio Padre/Madre ha creato. Quindi avete potere, e molto. Basta crederci; credete questo, che avete potere.

Cominciate ora ad usare questo potere per il positivo, per il bene del Tutto, per il bene di voi stessi. Spostate l'attenzione, dimenticate i problemi, distogliete l'attenzione dai problemi. L'attenzione deve essere su ciò che volete, non sui problemi. Tutto ciò su cui vi concentrate, si dispiega, accade. Quindi, se vi concentrate sui problemi, attirate solo più degli stessi. Ora, se vi concentrate sulla soluzione, sulla crescita, sulla gioia, sulla felicità, anche questo risuona e ritorna.

Ed i problemi nel tempo diventano piccoli, diventano quasi privi di significato. E non ve ne accorgerete nemmeno, quanto velocemente quei problemi che sembravano non avere soluzione, sembravano non avere fine, si sono risolti e voi praticamente non avete fatto nulla; avete appena spostato l'attenzione, credendo di essere in grado di creare un nuovo percorso per voi stessi; concentrandovi sulle cose buone, su ciò che volete, non sui problemi.

Credere è focalizzarsi, ma focalizzarsi sul potere, il potere di cambiare, il potere di trasformare, il potere di realizzare, che ognuno di voi ha.






 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu